Corsi di lingua

ti amo in 511 lingue

Le mur des je t’aime a Parigi. “Ti amo” in 511 lingue e dialetti. Opera di Frédéric Baron.

I nostri corsi di lingua

LiMo progetta e realizza corsi di italiano e promuove la diffusione delle lingue presenti sul territorio per contribuire a sensibilizzare tutti i cittadini ad una pluralità di idiomi, ai reciproci legami e differenze, consolidando la consapevolezza relativa ai processi di apprendimento delle lingue e favorendo lo sviluppo di una competenza plurilingue.

•  Corsi di italiano come Lingua Seconda (L2) rivolti ai cittadini di origine straniera che intendono apprendere la lingua italiana o rafforzare la propria competenza linguistica, anche al fine della certificazione;

•  Corsi di inglese per i più piccoli rivolto ad asili nido e scuole dell’infanzia che vogliono inserire nella loro offerta formativa un ciclo di incontri con un’insegnante specializzata nella didattica dell’inglese per bambini;

•  Corsi e attività laboratoriali nelle lingue presenti sul territorio (L1) rivolti a tutti i cittadini interessati ad apprendere altre lingue e ai cittadini stranieri interessati a rafforzare la propria lingua madre.

Linguaggi in Movimento

Una lingua non può essere “insegnata”, ma solo “vissuta”. L”acquisizione di una lingua è un processo attivo messo in atto dall’ apprendente, che coinvolge aspetti identitari e relazionali profondi seguendo tempi e modi soggettivi.

Il nostro lavoro consiste nel facilitare l’acquisizione, costruendo contesti significativi di apprendimento, recuperando e valorizzando pre-conoscenze, competenze e favorendo stili di apprendimento diversi.

La competenza plurilingue, la capacità di relazionarsi agli altri in più lingue straniere è definita una competenza chiave per l’apprendimento permanente nell’ambito della strategia di Europa 2020. Possedere competenze linguistiche ed interculturali elevate è indispensabile per partecipare ai processi sociali e democratici di una società moderna, per risultare competitivi in un’ottica di crescete mobilità e internazionalizzazione del mondo del lavoro e partecipare ai cambiamenti legati all’intensificarsi dei rapporti tra l’Europa e le altre regioni del mondo.